LA CRONISTORIA

Sport, Turismo, Cultura, Giovani, Amicizia, Solidarietà, Globalizzazione, Networking. I fatti più salienti del Torneo.

1973  1^ edizione Il 3 giugno nasce l’Interamnia  World Cup, che ha la durata di un giorno e che vede la partecipazione di 12 squadre italiane.
1974  2^ edizione Il torneo diventa internazionale (21 squadre, di cui una francese ed una svizzera)
1975  3^ edizione La manifestazione consolida la sua internazionalità e si allarga ad altre 7 nazioni europee.
1976  4^ edizione Partecipa per la prima volta, come squadra non europea, una rappresentativa di Taiwan
1977  5^ edizione Gheorghe Gruia, giocatore della nazionale rumena, campione del mondo, è il padrino della “5^ Interamnia World Cup”.
1978  6^ edizione Il quotidiano spagnolo “Dicen” definisce la Coppa Interamnia “El mas importante torneo juvenil del mundo”
1979  7^ edizione L’Esercito Italiano inizia a concedere alla manifestazione un notevole quantitativo di materiale lettereccio, che assicura la sistemazione di un gran numero di squadre nelle scuole cittadine e che si rivelerà, nel proseguo, determinante per la riuscita della manifestazione.
1980  8^ edizione La compresenza di una squadra della Cina Popolare e di una di Taiwan è causa di incidenti sul campo, che hanno richiesto l’intervento dei diplomatici delle due nazioni e del Comitato Olimpico Nazionale Italiano
1981  9^ edizione Nasce a Taipei (Taiwan) la “Chung Cheng Cup” – torneo internazionale di handball, che si ispira all’Interamnia World Cup.Presenziano all’iniziativa, come ospiti d’onore, i dirigenti del torneo teramano ed una squadra rappresentativa nazionale italiana.
1982  10^ edizione Viene bandito il “Premio Interamnia” di giornalismo, a carattere nazionale.Il vincitore è il giornalista Giacomo Crosa della RAI TV italiana.
1983  11^ edizione
  • La squadra nazionale maschile juniores del Senegal partecipa per la prima volta al torneo e raggiunge l’Italia con l’aereo del Presidente della Repubblica.
  • Jerzy Klempel (Polonia) e Clara Horvat (Ungheria) – campioni del mondo nelle rispettive squadre nazionali, guidano due compagini rappresentative mondiali composte da atleti di varie nazioni.
1984  12^ edizione Lo scienziato Antonino Zichichi, sottolineando il connubio tra scienza e sport, rivolge un messaggio di pace molto significativo agli atleti di tutto il mondo riuniti a Teramo.
1985  13^ edizione
  • Partecipazione record della Danimarca con ben 73 squadre, per un totale di 1.860 persone.
  • Il periodico ufficiale della Federazione Internazionale “World Handball Magazine” dedica un ampio servizio al torneo, definendolo un “superlativo festival dell’handball”
1986  14^ edizione Il campione olimpionico (Mosca ’80) e recordman mondiale (79) di atletica leggera (settore velocità) Pietro Mennea, è ospite d’onore della cerimonia inaugurale.
1987  15^ edizione Per la prima volta il torneo accoglie squadre in rappresentanza dei 5 continenti
1988  16^ edizione
  • Tra le iniziative collaterali nasce”Hand Made”, l’esposizione internazionale di prodotti etnici dell’artigianato, a cui prendono parte una moltitudine di  espositori di varie nazioni.
  • Atleti palestinesi, a Teramo per la prima volta , si trovano a dover convivere sul campo con atleti israeliani, tra inevitabili scaramucce.
1989  17^ edizione
  • L’U.N.I.C.E.F. dichiara Teramo “città aperta al mondo”
  • Il Presidente della Federazione Internazionale Handball, Erwin Lanc, presenzia alla manifestazione e rimane colpito dai valori da questa espressi.
1990  18^ edizione
  • Un’equipe di studiosi dell’Università Autonoma di Barcellona, in collaborazione con esperti teramani, mette in moto degli studi scientifici ed elabora un programma di animazione civico-culturale pensato per le Olimpiadi di Barcellona ’92. La Coppa Interamnia, pertanto, viene considerata come modello da proporre per l’eccezionalità che rappresenta, legata al contesto che la accoglie, la città di Teramo.
  • In occasione del centenario della fondazione del Comune di Hiroshima, il sindaco di Teramo aderisce alla World Conference of Mayors for Peace, su invito del suo presidente, sindaco di Hiroshima, Takeshi Araki, per l’azione di promozione della pace svolta dalla Coppa Interamnia
1991  19^ edizione Un’altra singolare manifestazione è uscita fuori dal magico cilindro dell’Interamnia World Cup: è “Streetanimation” – rassegna internazionale di spettacolo nella strada, a cui prendono parte artisti di 14 nazioni, di 5 continenti.
1992  20^ edizione Viene stabilito il record dei partecipanti con 410 squadre e 10.000 persone
1993  21^ edizione La grande parata inaugurale dell’Interamnia World Cup si svolge in  notturna, con effetti particolari di luci e colori, che conferiscono alla manifestazione un ulteriore tono di magicità e spettacolarità.
1994  22^ edizione Un episodio goliardico ha interessato la stampa nazionale per il rapimento di 2 giorni di una squadra femminile ungherese di Budapest, ad opera di studenti dell’Università degli Studi di Teramo, che hanno richiesto come “riscatto”, birra e salsicce.
1995  23^ edizione La “Coppa Interamnia” offre, come premio per le squadre vincitrici, la riproduzione fedele di un calice buccheroide, prezioso reperto archeologico del VI sec. a C., conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Chieti, acquisendo un ulteriore valore di promozione culturale.
1996  24^ edizione “La Gazzetta dello Sport  Magazine” dedica un servizio molto particolareggiato all’Interamnia World Cup, delineando tutti gli aspetti originali della manifestazione
1997  25^ edizione Il Presidente della Repubblica Italiana, Oscar Luigi Scalfaro, il 10 luglio, è ospite illustre della manifestazione.
1998  26^ edizione Viene ufficializzata e diramata in campo internazionale la lista dei rappresentanti dell’Interamnia World Cup, dislocati in 170 nazioni.
1999  27^ edizione Nel quadro del Programma Eurathlon, una specifica Commissione del Parlamento Europeo ha conferito alla manifestazione teramana la denominazione di “Torneo internazionale di handball per la solidarietà e la non violenza tra i popoli”
2000  28^ edizione Il Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Petrucci, nel riconoscere unicità della Coppa Interamnia nel panorama sportivo italiano, auspica un’ulteriore affermazione del torneo e dell’handball in campo mondiale.
2001  29^ edizione Una squadra del Kosovo gareggia per la prima volta nel torneo sotto la insegna dell’ONU.
2002  30^ edizione Il segretario dell’ONU Kofi Annan, Premio Nobel per la Pace 2001, invitato dagli organizzatori a presenziare al torneo, esprime in un messaggio il suo compiacimento ed apprezzamento alla manifestazione.
2003  31^ edizione Una squadra dell’Afghanistan partecipa al torneo ed è la prima, dopo anni, a varcare i confini del proprio Paese dopo la caduta della dittatura talebana.
2004  32^ edizione Viene realizzata un’originale iniziativa, che ha consentito a 24 giocatori di 5 Continenti di far parte, per 7 giorni, di una squadra ideale ad unica al mondo, la United World Team o, meglio, la “Squadra della Pace”
2005  33^ edizione Nasce un’ulteriore iniziativa collaterale, chiamata “Teramo, città aperta al mondo”, Happening Culturale Internazionale. È un grande contenitore di culture, che espone, in maniera viva e visibile la storia e le tradizioni di cinque città “simbolo” e delle rispettive nazioni e continenti, assicurando un’ampia rappresentanza nei settori dell’arte, del cinema, della danza, della eno-gastronomia, del folklore, della musica e del teatro. Alla prima edizione sono state rappresentate le città di Cairo, Mosca, New York, Pechino e Sidney.
2006  34^ edizione Partecipa al torneo una squadra studentesca del Bangladesh, il Paese più povero al mondo
2007  35^ edizione
  • Il Papa, in occasione dell’Angelus del 7 luglio, ha rivolto un saluto a tutti i rappresentanti alla “35^ Interamnia World Cup”
  • A latere della kermesse sportiva sboccia un’ennesima iniziativa di carattere culturale, denominata: “Perché i Poeti…” attraverso la quale si è reso omaggio a 5 illustri personalità nel campo della letteratura mondiale: Vinicius De Moraes (Brasile) Leslie Allan Murray (Australia) Kahlil Gibran (Libano) Leopold Sedar Senghor (Libano) e Publio Ovidio Nasone (Italia)
2008  36^ edizione
  • Nasce il “1^ Abruzzo Gran Prix” – torneo internazionale, al quale partecipano alcune tra le migliori squadre nazionali Under 21
  • Nasce il Premio internazionale di promozione dello sport “Altri Campioni”
2009  37^ edizione Il torneo rende omaggio, attraverso una serie di iniziative culturali e sportive, alla città di L’Aquila, dimostrando solidarietà dopo il tragico avvenimento sismico.
2010  38^ edizione –       Il 3 giugno si svolge a Roma, presso il Senato della Repubblica, un importante meeting dal titolo “Teramo, caso di eccellenza nella promozione del territorio attraverso lo sport”, in occasione del quale personalità del mondo istituzionale, sportivo, culturale, giornalistico, turistico ed imprenditoriale hanno preso atto della necessità di far nascere sinergie idonee, affinché un “modello” così virtuoso possa diventare patrimonio comune.-       L’apparato logistico del torneo, nell’ambito di un decentramento logistico, si avvale della preziosa collaborazione di 24 Comuni, dislocati nell’intero territorio della provincia di Teramo.-       Sull’onda degli scambi favoriti dall’Interamnia World Cup, il Comune di Teramo stringe un gemellaggio ufficiale con la città di Strovolos, Cipro.
2011  39^ edizione
  • Il torneo consegue il primato della partecipazione con ben 46 nazioni.
  • Il Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, conferisce all’Interamnia World Cup una propria medaglia di rappresentanza in segno di riconoscimento per l’importante funzione sociale svolta dalla kermesse internazionale.
2012 40^ edizione
  • L’Interamnia World Cup celebra i suoi 40 anni di attività chiamando i rappresentanti istituzionali e degli organismi sportivi internazionali, a firmare “La Carta di Teramo”, un documento che li impegna a promuovere la pace nel mondo e la fratellanza fra i popoli. Il testo è siglato anche dal Sindaco di Roma.
  • Un centinaio di bambini, da tutto il mondo, partecipano al concorso internazionale “Il Leader di Domani”, lanciato dall’Interamnia World Cup sull’onda del messaggio che i ragazzi della Coppa avevano rivolto ai Grandi della Terra, riuniti nel G8 a L’Aquila, in occasione del terremoto del 2009.
2013 41^ edizione
  • È un’edizione di transizione, all’insegna della crisi economica mondiale e della sobrietà. Ciononostante l’Interamnia World Cup riesce ad accogliere numerosi giovani atleti e a mantenere un buon livello agonistico di gioco.
  • La Città di Teramo intitola alla kermesse il “Campo 1^ Coppa Interamnia”. Il terreno di gioco viene inaugurato da un’emozionante partita tra le vecchie glorie della pallamano teramana e gli arbitri presenti alla 41^ World Cup.
This entry was posted in interamnia cup, News. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *